Film proiettati in passato.

SEZIONE FEMMINILE | Giovedì Culturali

Giovedì 11 Aprile ore 20:45 – INGRESSO LIBERO

Incontro con il regista Eugenio Melloni e proiezione del film “SEZIONE FEMMINILE”, nato da un laboratorio di cinema all’interno di un carcere italiano.

Il film non racconta direttamente questa esperienza, ma ne è il risultato. Un risultato che ci mette in contatto non solo con le condizioni concrete del vivere in prigionia delle detenute (peraltro spesso raccontate) ma con il recupero di una immaginazione forse perduta nei meandri di una tragica e stordente esperienza. Il nostro sguardo con quello del regista, non è quindi esterno, ma prevalentemente interno. In ragione di ciò quello a cui assistiamo non è solo quanto espresso narrativamente, ma è anche un percorso rieducativo, nel senso che mostra il cammino di chi dopo aver superato certi confini, fa un percorso a ritroso che non può non essere che profondo e che il recupero di una immaginazione creativa rende forse compiutamente possibile.

SOFIA, Martedì 16 e Mercoledì 17 Aprile

A Casablanca, in Marocco, la ventenne benestante Sofia viene colpita da un malore durante una cena ed è costretta a rivelare alla cugina Lena di essere incinta e di aver rotto le acque. Raggiunto di nascosto l’ospedale, Sofia dà alla luce una bambina, ma a causa delle severissime leggi marocchine sul sesso fuori dal matrimonio (che prevedono condanne fino a un anno di carcere) è costretta a rintracciare il padre prima che l’ospedale avvisi le autorità. Non potendo nascondere la cosa ai familiari, Sofia e Lena si recano con le rispettive madri nella casa del ragazzo – che si chiama Omar e vive in un quartiere popolare – e qui viene intavolata una contrattazione che dovrà portare a un matrimonio riparatore. Il buon nome della famiglia di Sofia sarà salvo, mentre Omar e i suoi parenti troveranno un’insperata occasione di riscatto sociale.

GLORIA BELL

Gloria Bell ha cinquant’anni, un marito alle spalle e due figli che non hanno più bisogno di lei. Dinamica e indipendente, canta in auto a squarciagola e si stordisce di cocktail e di danza nei dancing di Los Angeles. Una notte a bordo pista incrocia Arnold, un uomo separato che sogna un cambiamento. Gloria si lancia, Gloria ci crede. Arnold ci prova ma poi improvvisamente non è più là. Volatilizzato fino alla prossima promessa. Per lui il passato è una prigione. Tra amplessi e abbandoni, Gloria finisce al tappeto ma si rialza e balla. C’è sempre nell’idea di un remake la ricerca di un gesto artistico. La necessità di rifare l’originale non è (soltanto) un semplice esercizio di stile e sta lì tutta la sua bellezza, nella vertigine metafisica che rivela: rifacendo la stessa opera non otteniamo mai lo stesso film.

FREE SOLO | Giovedì 21 e Venerdì 22 ore 21:00

Biglietto unico a 14 euro (prezzo imposto dalla casa di distribuzione), non saranno perciò validi gli abbonamenti!

Miglior Documentario agli OSCAR e ai BAFTA 2019! Alex Honnold è un ragazzo introverso che fatica a socializzare. Una cosa, però, la sa fare bene, anzi, come nessun altro: scalare. Così, montagna dopo montagna, a mani rigorosamente nude, senza protezioni, si conquista la fama mondiale del free climber più intrepido, tanto da riuscire a scalare la vetta di El Capitan, sua ultima leggendaria impresa che ha richiesto ben tre anni di preparazione, atletica quanto mentale.

I VILLANI | Giovedì 14 Marzo ore 20:45

“Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei!”
Per mangiar bene bisogna rispettare i tempi della cucina, bisogna rispettare le stagioni, la terra e il mare, tutto ciò che la modernità non fa più: lo fanno invece i “villani”.

Ore 20:45 presentazione dei “nostri” villani:
ANDREA CENACCHI dell’Agriturismo Podere Santa Croce
STEFANO CERUTTI presidente dell’Associazione delle Arti Contadine e produttore bio (Azienda Agricola Biologica Cerutti)
MICHELE NOVI rappresentante de L’Alveare che dice Sì

A seguire proiezione del docufilm I VILLANI di Daniele de Michele: l’esperienza di otto personaggi che portano avanti la loro battaglia quotidiana per rimanere ancorati alla cucina italiana e non cedere alla “globalizzazione” culinaria.

Come sempre…INGRESSO LIBERO!

BOHEMIAN RHAPSODY – versione karaoke

Un’occasione per cantare insieme a Freddie Mercury, almeno idealmente. Un modo per sentirsi, per oltre due ore, parte dei Queen.  Arriva “Bohemian Rhapsody sing along“, la versione karaoke del capolavoro dedicato alla band britannica con regia di Dexter Flechter e Bryan Singer. “La musica, collante di questo successo globale, diviene ora la vera protagonista – le parole di Paul Zonderland, amministratore delegato di 20th Century Fox Italia -. Con la versione Sing Along offriremo agli spettatori un valore aggiunto, dando loro l’opportunità di cantare in sala e in compagnia questi brani che, da sempre, sono parte della cultura pop del nostro paese. Un’esperienza di condivisione sociale che solo il cinema può offrire”. Nei cinema, infatti, si potrà cantare e ballare con Rami Malek – che veste i panni di Mercury – seguendo la pellicola che ripercorre tutta la storia dei Queen, fino alla leggendaria apparizione al concerto Live Aid nel luglio del 1985, che consegnò la band alla storia. 

Il Risveglio Del Fiume Segreto | Giovedì Culturali

Docufilm proiettato nell’ambito del progetto “Acqua in Bocca” in collaborazione con Coop Alleanza 3.0 e patrocinato dal Comune di Cento.

Un viaggio attraverso il Grande Fiume compiuto da Paolo Rumiz (scrittore e giornalista), insieme all’esploratrice Valentina Scaglia da Milano, e in compagnia di canoisti, barcaioli, scrittori, pescatori. Un viaggio fatto di incontri, cibo, avventure, ma che rappresenta anche la riscoperta di un corso d’acqua selvaggio, un racconto dal punto di vista della corrente che porta verso il delta e i suoi magnifici rami.

Oltre le sponde ci sono quattro regioni tra le più popolose d’Italia. Dentro il Po invece, tra i suoi grandi argini, si apre uno spazio meraviglioso, segreto, incontaminato, che sprigiona bellezza nonostante i disastri ambientali causati dall’uomo.

In sala sarà presente anche il regista Alessandro Scillitani.

In occasione della proiezione verrà presentato il “Progetto Acqua in Bocca – Io Sì”

INGRESSO GRATUITO!


PARLAMI DI TE

Alain Wapler va di corsa. Sprezzante amministratore delegato di una nota azienda automobilistica, non ha tempo per i perdenti e per la famiglia. Alla viglia della presentazione di un nuovo modello di vettura ibrida, ignora i segnali di allerta del suo corpo e crolla. Colpito da un ictus che gli causa un deficit cognitivo, Alain confonde le parole e le sillabe, perde i ricordi e il filo della vita. A riordinargli il linguaggio e l’esistenza lo aiuta Jeanne, una giovane ortofonista alla ricerca della madre biologica. Tenace e paziente, Jeanne corregge la disarticolazione e insegna ad Alain il valore del tempo. Il tempo per vivere.

LE NOSTRE BATTAGLIE, Martedì 2 e Mercoledì 3 Aprile

Olivier lavora in fabbrica e sta considerando la possibilità di entrare nel sindacato. Ma il lavoro assorbe la maggior parte del suo tempo, e sulle spalle della moglie Laura ricade la responsabilità della vita familiare: portare a scuola i bambini, preparargli la cena, aiutarli con i compiti, metterli a dormire. Anche questo è un lavoro faticoso. Troppo faticoso forse per Laura, che lotta in segreto contro l’inizio di una depressione. La soluzione, per la donna, è una sola: scappare. Costretto a fare i conti con un quotidiano complicato dall’assenza di Laura, Olivier deve ristabilire priorità e necessità, lottando contro la rabbia nei confronti della madre dei suoi figli.

COPIA ORIGINALE

New York, 1991. Lee Israel ha un grande talento e un pessimo carattere. L’alcolismo e la misantropia, le alienano qualsiasi possibilità di carriera. Licenziata per un bicchiere e un insulto di troppo, deve trovare un altro modo, e deve trovarlo presto, per sbarcare il lunario e curare il suo adorato gatto. Due lettere di Fanny Brice, rinvenute per caso in un libro della biblioteca e vendute a 75 dollari, le forniscono l’idea che cercava. Biografa talentuosa, mette a frutto la sua conoscenza della materia e il suo talento di scrittrice. Seduta alla macchina da scrivere compone finte lettere di grandi autori scomparsi. Affiancata da Jack Hock, spirito libero col vizio del sesso, Lee riesce nell’impresa. Almeno fino a quando l’FBI non si mette sulle sue tracce.